George Soros, ritratto di uno “speculatore”

di ceciliamorello 16

soros

Filantropo, finanziere, “Re Mida”, filosofo, “colui che ha rotto la sterlina”, anti-Bush… Sono infiniti i nomi con cui può essere definito George Soros, personaggio discutibile e discusso, titolare di una fortuna immensa che ammonterebbe a 7 miliardi di dollari circa, il tipico “self-made man” americano cui non mancano eccentricità e “inchieste”.

Soros sbarca in America a 26 anni, dopo aver passato la propria infanzia in Ungheria. Soros non è sempre stato il suo cognome: nasce in una famiglia ebrea, costretta a nascondersi dalle persecuzioni naziste. Quando arriva negli Stati Uniti ha in tasca pochi soldi ma un bagaglio di conoscenza derivate dai tre anni di studi alla London School of Econom e dall’esperienza di stockbroker.

Dopo qualche anno passato a lavorare come trader e consulente finanziario fonda la Quantum Fund, una società di gestione di capitali e fondo di investimento privato, con sede alle Antille Olandesi, che per molti anni è stata una delle famiglie di fondi più capitalizzate al mondo. Per 32 anni, partendo dalla raccolta iniziale di 4 miliardi di dollari, il Quantum Fund ha reso il 31% di media annua.


Nella sua carriera Soros si è avventurato in investimenti decisamente rischiosi e talvolta eticamente dubbi. Le sue specialità sono sempre stata le speculazioni sulle monete: quella in particolare che lo ha reso famoso è stata la “rottura della sterlina”. In una notte del 1992 si lanciò in una pseculazione furiosa al ribasso provocando il crollo della moneta inglese e guadagnando, a quanto lui stesso ha raccontato, 1 miliardo di dollari.

Nel 1993 lanciò invece una corsa all’oro dopo aver diffuso la voce che la Cina voleva rimpinguare le proprie riserve. Il prezzo dell’oro subì un rialzo del 20% e lui si liberò in segreto dei suoi acquisti. In molti vedono in lui un personaggio che gestisce investimenti e capitali di coloro che non possono o non vogliono agire in prima persona, tra cui, si dice, anche la regina Elisabetta.

Ma le speculazioni non sono il suo unico interesse. Negli ultima anni Soros si è lanciato in una feroce campagna anti Bush. Durante le elezioni del 2004 non si limitò a finanziare i suoi avversari ma fece dichiarazioni decisamente “forti” ai vari giornali. Al Washington Post dichiarò che “la disfatta di Bush è lo scopo della mia vita, una questione di vita o di morte“; al Financial Times che “un’America nelle mani di Bush è un pericolo per il mondo intero” e “il partito repubblicano è in mano ad un gruppo di estremisti“.

Come tutti sappiamo nel 2004 le cose non andarono come Soros sperava, quindi adesso è diventato uno dei più importanti sostenitori di Barack Obama.

Commenti (16)

  1. beh la fotografia dice tutto…

  2. eh beh…l’ho scelta con cognizione di causa!

  3. Gentile Cecilia Morello,
    le mie prossime congetture, non sono dettate in conseguenza della conoscenza personale di Mr. Soros, ma da una visione positiva della vita.
    Ritengo sia uno dei pochi personaggi che sappiano il fatto loro. Nel bene e nel male.
    Tuttavia, è anche vero che quanti, come lui, volessero esprimere la propria natura, il proprio pensiero tramite azioni che possono coinvolgere in modo costruttivo una certa parte della popolazione mondiale, si scontrano necessariamente con la realtà distruttiva di quanti non ti consentono di porre in atto i propositi che hai in animo. Non parlatemi, quindi, di mancata volontà di partecipare alla crescita mondiale o di assenza di indole manageriale o imprenditoriale o, peggio, di idee. Le idee non muoiono mai.
    Le sarei grato per un suo commento, nonchè per i suggerimenti che sarà in grado di fornirmi per contattare direttamente Mr. Soros, tramite mail o altro.
    Cordialmente,
    Antonio Pitrelli
    Sarei lieto di

  4. Come tutti i personaggi famosi, ancor più se eccentrici, su Soros si rincorrono leggende ed accuse, si cerca di vedere sempre cosa c’è sotto. non c’è da stupirsi quindi se quando si cerca di fare qualcosa di diverso con risonanza mondiale, sia in positivo che in negativo, si alzi un coro di proteste e di scetticismo.
    per contattarlo l’unico indirizzo che sono in grado di fornirle è quello del sito della sua Open society Institute (http://www.soros.org/).

    la invito a continuare a seguirci

    cordialmente
    cecilia morello

  5. I hope you will purchase Rome football club
    Best regards aldo pezzuto

  6. I think it’s expedient to by Rome soccer club. City is most beuty in the world ,team play beautiful soccer and attract sponsor
    best regards

Lascia un commento