Continua l’andamento altalenante di Wall Street: Dow Jones e Nasdaq in rialzo

Tornano di nuovo a salire gli indici americani, dopo che i ribassi di ieri avevano fatto pensare a effetti benefici soltanto temporanei causati dall’annuncio del piano di salvataggio bancario promosso dal segretario del Tesoro statunitense, Timothy Geithner. Ormai a Wall Street sembra regnare perennemente la contraddizione; dopo la chiusura positiva delle borse grazie al piano di salvataggio delle banche, la seduta successiva ha visto i principali listini statunitensi chiudere in maniera negativa, proprio a causa dei bancari (in particolare bisogna sottolineare le pessime performance di JP Morgan, che aveva chiuso in calo di 9,15 punti percentuali e Bank of America, la quale aveva invece perso l’8,33%). La chiusura di ieri sera è tornata invece nuovamente positiva; da sottolineare ci sono soprattutto le contrattazioni dell’indice Dow Jones, che ha terminato con un rialzo di 1,2 punti percentuali, mentre il Nasdaq ha conseguito un aumento dello 0,91%.

Unicredit: in attesa della trimestrale, il gruppo appare in forma

Ultima seduta della settimana all’insegna del segno più per i titoli bancari. In pole position Unicredit, che guadagna lo 0,92% a 4,725 euro. Tra le buone notizie riguardanti il gruppo italiano quella del passaggio dei 186 sportelli messi in vendita dietro indicazione dell’Antitrust. L’accordo con le banche popolari (Bpm, Carige, Credem e Bper) dovrebbe essere concluso il 16 aprile e dovrebbe fruttare ad Unicredit 747 milioni.

La richiesta dell’Antitrust era arrivata dopo la fusione con Capitalia, ed il guadagno netto derivante dalla conclusione della vendita dovrebbe degli sportelli dovrebbe essere di 350 milioni circa. Buone notizie anche per quanto riguarda i target 2008: l’ad Profumo ha definito in buona salute il gruppo bancario, ma ha anche messo le mani avanti affermando che è necessario attendere i risultati del primo trimestre.

Black monday per Unicredit

Lunedì nero per Piazza Affari come per la maggior parte delle piazze finanziarie. Milano ha registrato un calo del 4-5% dei principali indici finanziari, ma sono i bancari ad aver avuto le peggiori performances. Unicredit è crollata a 4,84 euro, con un calo del 9,1% nonostante la crisi del Banco di Sicilia si fosse risolta.
Nei giorni scorsi si è anche conclusa l’offerta sul mercato azionario telematico gestito da Borsa Italiana delle 83.833.899 azioni ordinarie Unicredit derivanti dal concambio delle 74.851.696 azioni Capitalia oggetto di recesso, rimaste invendute nelle precedenti fasi del processo di liquidazione. Le azioni Unicredit erano state messe in vendita ad un prezzo di 6,265 euro per azione al prezzo di recesso di 7,015 euro per ogni azione Capitalia. Le azioni sono però rimaste totalmente invendute. Come previsto dal codice civile quindi le azioni saranno acquistate domani da Unicredit stessa. Nel pomeriggio di ieri si è anche risolta la crisi apertasi con il banco di Sicilia. La soluzione è stata raggiunta passando dalle dimissioni del presidente del gruppo siciliano, Salvatore Mancuso, che, come si legge nel comunicato duffuso da Unicredit, “ha preso atto che la sua missione di valorizzazione delle professionalità interne è giunta al termine”.