Delocalizzazione produttiva: subfornitura preferita a produzione in loco?

di Laura 3

lavoratrice-cinese.jpg

L’economia italiana, basata prevalentemente su imprese di medie dimensioni, sta attraversando una profonda e inevitabile trasformazione. Interi processi produttivi vengono delocalizzati allo scopo di ridurre i costi di produzione, mentre grazie all’allargamento a nuovi Stati membri il potenziale commerciale dell’Est Europa è in continua crescita. La delocalizzazione diventa un sistema strategico e determinante per la sopravvivenza, intraprendere un’attività d’impresa non è facile, questo soprattutto al Meridione dove le possibilità di crescita sono limitate ed esiste il rischio d dover regalare parte dei guadagni alle organizzazioni criminali quali mafia, camorra, sacra corona unita. Le parole d’ordine sono dunque: sopravvivere, competere, ridurre i costi, alzare la qualità. I consumi interni stagnano, colpa della recessione e del caro-euro.

Le esportazioni faticano, per la concorrenza estera, le frodi e contraffazioni e ovviamente l’apprezzamento reale dell’euro: se occorrono tante monete (per esempio dollari) per acquistare un euro, allora i compratori americani non acquisteranno i prodotti da noi europei perché dovendo pagare in euro, pagherebbero cifre elevate solo a causa del cambio. Ecco perché avere una moneta unica forte è un’arma a doppio taglio, rafforza l’economia, l’affidabilità del sistema economico che la utilizza ma lede alle esportazioni. Un modo per svalutare la moneta in maniera innocua è che i Governi adoperino una politica monetaria restrittiva, ovvero abbassare i tassi di interesse . In questo modo gli investitori esteri non avranno molti vantaggi nel comprare titoli europei dato che hanno un rendimento basso, quindi non comprando titoli europei non compreranno neanche euro ed inevitabilmente il prezzo dell’euro (il cambio) diminuirebbe perché si avrebbe una inferiore domanda di euro.


Quindi anche a causa del caro euro in Europa si decide di trasferire parte della produzione in Paesi a basso costo del lavoro , spendendo meno, si possono poi applicare prezzi inferiori. Tuttavia sfruttare le opportunità offerte dai mercati esteuropei e quindi preferire la subfornitura rispetto alla produzione in loco, rappresenta oggi una sfida determinante per le imprese italiane, che nella scelta dei singoli Stati in cui attuare programmi di delocalizzazione e di penetrazione commerciale devono operare una valutazione approfondita del rischio Paese e delle implicazioni finanziarie, fiscali, legali, doganali, logistiche e organizzative, non è quindi tutto oro quel che luccica.

Commenti (3)

Lascia un commento