Yahoo! respinge l’offerta di Microsoft

di Redazione 1

L’assemblea straordinaria di Yahoo, riunitasi per scegliere cosa fare, ha rifiutato l’offerta. La proposta d’acquisto di Microsoft sarebbe troppo bassa. In effetti la cifra iniziale doveva essere rivista alla luce dei fatti avvenuti in Borsa in questi giorni. Il titolo Yahoo ha registrato un’incredibile crescita, fino a raggiungere quel 60% in più previsto nell’accordo, mentre le azioni Microsoft hanno perso il 10% circa.

L’offerta prevedeva che l’acquisto fosse effettuato parte in denaro e parte in azioni Microsoft: in questo modo l’opa ha perso valore dando così la possibilità a Yahoo di rifiutare, forse anche per discutere nuovamente i termini dell’offerta.

Sono in molti a scommettere sul rilancio di Microsoft ma c’è anche chi sospetta che la mossa del gruppo di Bill Gates fosse studiata solo per evitare che altri approfittassero del momento di estrema debolezza di Yahoo e del suo titolo. In questo caso gli “altri” sarebbero principalmente Amazon e l’offerta di Microsoft avrebbe scopi esclusivamente speculativi.


Resta il fatto che quanto annunciato dal Wall Street Journal nei giorni scorsi si è avverato: il cda di Yahoo ha rimandato al mittente l’offerta d’cquisto, giudicandola troppa bassa. Il motore di ricerca non valuterà neanche offerte inferiori ai 40 dollari ad azioni (Mircrosoft ne aveva offerti 31). A questa cifra il valore del deal in carta sarebbe di 51,1 miliardi di dollari. Che sia solo l’inizio di un negoziato?

Yahoo ha aggiunto altre motivazioni al rifiuto ed una di queste sarebbe che la fusione è troppo a rischio antitrust. Questa mattina il board di Yahoo ufficializzerà il rifiuto con una lettera a Microsoft.

Mettendo da parte l’idea che possa essere tutto un bluff, in pocchi credono che Microsoft abbia già messo in tavola tutte le sue carte: l’offerta finale dovrà ancora arrivare, tutto sta nel capire di quanto sia disposta a rilanciare. Difficilmente raggiungerà i 40 dollari ad azioni richiesti, ma potrebbe essere un punto di partenza per trattare sui 35-37 dollari ad azione, portando l’offerta totale sui 50 milioni e non sui 56 come richiesto da Yahoo.

Commenti (1)

Lascia un commento