Yahoo profitti record ma Microsoft non alza l’offerta

di Redazione 1

Utili più che triplicati per il motore di ricerca nei desideri Microsoft: Yahoo infatti ha registrato utili per il valore di 542,2 milioni di dollari ed un fatturato di 1,82 miliardi di dollari, in crescita dell’8,7%. Adesso sì che quelli di Yahoo hanno motivo di definire sottostimata l’offerta di Microsoft! Ma Steve Ballmer non molla l’osso e annuncia che l’offerta non verrà in alcun modo modificata con grande scontento degli azionisti di Yahoo le cui azioni, nonostante gli ottimi risultati, perdono un punto percentuale e mezzo.

In effetti è da sottolineare che gran parte del guadagno, per la precisione 400 milioni circa di dollari provengono da Alibaba, il sito di e-commerce cinese su cui Yahoo ha investito, proprio quello che avrebbe potuto creare problemi per l’Antitrust cinese. Se alla trimestrale di Yahoo andiamo ad escludere i profitti di “origine orientale” appare chiaro che dall’anno scorso a questa parte le cose non sono cambiate granchè e motivano ancor di più la volontà di Microsoft di lasciare invariata l’offerta.


Sabato scadrà “l’ultimatum” che Steve Ballmer aveva dato al motore di ricerca: stando alle minacce di Microsoft una volta scadute le tre settimane di tempo non ci sarebbe stato più spazio per una trattativa, ma sarebbe partita la scalata con il lancio di un’opa.

Nel frattempo i dirigenti di Yahoo danno in qualche modo ragione a Ballmer lasciando invariate le stime per l’anno in corso, già riviste al ribasso. L’ad di Microsoft in visita a Milano per una convention ha ribadito la posizione del proprio gruppo, pronto ad estromettere il cda di Yahoo.

In attesa della trimestrale di Microsoft gli analisti sono convinti che basterebbe un piccolo rialzo dell’offerta per convincere Jerry Yang a cambiare idea. Dopotutto alla resa dei conti mancano solo pochi giorni, restiamo in attesa di nuove sorprese.

Commenti (1)

Lascia un commento