Banche rimborsano Bce

Prende il via la prima tranche di rimborsi degli istituti di credito nei confronti della Banca centrale europea. L’iniziativa interessa tutte quelle banche che hanno ottenuto finanziamenti Ltro dall’istituto di credito centrale, e – stando a quanto si legge – dovrebbe essere regolarmente agita da parte di tutte le aziende di credito interessate dall’impiego Bce a 3 anni.

Istituzioni finanziarie e monetarie in calo

La Banca Centrale Europea ha diffuso un interessante report statistico nel quale afferma come il numero degli istituti finanziari e monetari, dal 1999 ad oggi, sia calato fortemente: nonostante l’allargamento dei confini dell’Unione, infatti, il loro numero è drasticamente calato del 28 per cento, arrivando a toccare soglie di forte minoranza rispetto a quelle del decennio precedente. I dati, aggiornati al 1 gennaio di quest’anno, riguardano le istituzioni finanziarie (banche centrali, banche commerciali, banche di risparmio, uffici postali con funzioni bancarie e cooperative del credito) attive nell’eurozona.

Dichiarazioni BCE anti-crisi

La Banca Centrale Europea ha pubblicato il suo periodico bollettino mensile nel quale ha avuto modo di registrare i “progressi rimarchevoli nella correzione del costo del lavoro”, e sottolineare come “per aumentare la competitività dei Paesi dell’Eurozona più colpiti dalla crisi occorrono riforme incisive dei mercati del lavoro e dei beni e servizi”. L’istituto guidato da Mario Draghi si è poi soffermato sulle riforme strutturali, “altrettanto essenziali del risanamento dei conti pubblici e delle misure tese a migliorare il funzionamento del settore finanziario”.

Rischi Eurozona 2013 – Draghi

L’Eurozona si riprenderà, ma sul futuro dell’area rimangono rischi evidenti. Ad affermarlo è stato il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, nel suo previsto intervento all’Europarlamento, sottolineando come “la rivitalizzazione del credito è cruciale per la ripresa”. Il numero uno della Bce rende inoltre merito ai progressi compiuti nella strada della comprensione e della prevenzione dei rischi sistemici. Un colpo al cerchio e uno alla botte per quanto riguarda la Grecia, che sta compiendo importanti sacrifici, ma deve fare ancora di più.

Piano segreto UE per rinforzare fondo salva-Stati

Ancora oggetto di discussione è il piano di salvataggio dell’Unione Europea, con il fondo salva-Stati che deve ancora essere quantificato. Anche se l’Eurozona si sta dirigendo verso una fase di stabilizzazione e crescita, un errore in questo momento potrebbe far regredire il progresso registrato e rigettare il Vecchio Continente nel caos, allargando ancora i differenziali.

Supervisione bancaria alla Bce

Entro l’anno la supervisione bancaria in ambito Ue sarà affidata alla Banca Centrale Europea. È quanto emerso nello scorso fine settimana all’interno del workshop Ambrosetti a Cernobbio, dove Joaquin Almunia e Michel Barnier hanno avuto modo di rassicurare sui tempi di creazione della supervisione degli istituti di credito che fanno parte dell’area euro, indirizzando tale funzione in via esclusiva alla Banca Centrale Europea. Più lunghi sono invece i tempi di creazione dell’attesa Unione bancaria, che potrebbe tuttavia entrare in vigore già al termine del 2013.

Depositi overnight in aumento presso la Bce

Sono ancora in aumento i depositi overnight presso la Banca Centrale Europea. Stando a quanto comunicato dallo stesso istituto monetario europeo, infatti, ieri gli istituti di credito europei hanno allocato presso lo sportello ufficiale ben 510,234 miliardi, con un significativo incremento rispetto alla cifra rilevata venerdì, quando gli stessi avevano allocato nelle casse dell’istituzione monetaria del vecchio Continente la cifra di 507.876 miliardi di euro. 

A ben vedere, quanto allocato nella giornata di ieri è una cifra molto vicina alla soglia di 528 miliardi di euro, stabilita come massimo assoluto nella metà dello scorso mese di gennaio. Una soglia che secondo buona parte degli osservatori internazionali potrà efficacemente essere raggiunta nei prossimi giorni o, al più tardi, entro il compimento delle prossime due settimane.

Crisi Italia e Spagna: Bce compra bond

Nella giornata di ieri, eccezionalmente di domenica, il consiglio direttivo della Banca centrale europea si è riunito per prendere misure straordinarie dopo gli attacchi sui debiti sovrani dell’Eurozona, ed in particolare quelli di Italia e Spagna, e dopo che l’Agenzia S&P ha clamorosamente abbassato il rating sul debito sovrano degli Stati Uniti.

Bce: costo del denaro, tassi fermi all’1,25%

Dopo il rialzo di un quarto di punto nello scorso mese di aprile, oggi la Banca centrale europea (Bce), al termine della riunione del consiglio direttivo, ha annunciato d’aver lasciato invariato il costo del denaro nell’Area Euro, che così resta fermo all’1,25%. Trattasi di un nulla di fatto che però non chiude le porte ad una nuova manovra restrittiva nella prossima riunione del consiglio direttivo della Bce, oppure nelle successive.

Bce: nuovo Presidente, parte la procedura di nomina

E’ partita oggi, lunedì 16 maggio 2011, la procedura che, in sede di Eurogruppo, porterà alla nomina del nuovo presidente della Banca centrale europea (Bce). Si tratta quindi di designare il successore dell’attuale Presidente, Jean-Claude Trichet, con l’Italia molto interessata a questo appuntamento visto che il candidato numero uno, quello più probabile, al punto che viene dato per scontato, è Mario Draghi, attuale Governatore di Bankitalia. La probabile nomina di Mario Draghi alla Presidenza della Bce poggia anche, tra l’altro, sul parere positivo che in merito avrebbe espresso la Germania del cancelliere Angela Merkel.