OptionTime tra i siti di trading online che offrono i più alti bonus

Uno dei modi a disposizione degli investitori per massimizzare i propri guadagni nel mondo delle opzioni binarie è quello di approfittare dei bonus e delle promozioni che di volta in volta vengono erogati o effettuati sulle diverse piattaforme di trading. Grazie all’acquisizione di un bonus, infatti, il trader può contare su una maggiore liquidità a disposizione e quest’ultima può a sua volta generare maggiori profitti. 

OptionWeb tra i broker di opzioni binarie autorizzati dalla Consob

Investire in opzioni binarie prevede la scelta preventiva del broker di opzioni binarie con cui effettuare le proprie operazioni. In fase di scelta, quindi, i trader italiani saranno indotti a preferire come intermediari broker di opzioni binarie autorizzati dalla Consob, la Commissione nazionale di vigilanza per le Società e la Borsa. Me perché appare così importante scegliere dei broker di opzioni binarie autorizzati dalla Consob?

Come riconoscere i migliori siti di trading online per le opzioni binarie

Le opzioni binarie rappresentano per gli investitori un mercato di facile accesso che può dare adido a interessanti rendimenti in pochissimo tempo. Non bisogna essere infatti esperti del mondo della finanza per testarlo, ma è sufficiente avere una connessione internet per accedere ad una piattaforma online. Come individuare tuttavia la piattaforma da scegliere? La risposta a questa domanda consiste nel riconoscere i migliori siti di trading online. 

Saipem in fumo 3,4 miliardi in un giorno

La giornata di ieri è stata assolutamente disastrosa per le azioni Saipem, che hanno chiuso la seduta di borsa con un ribasso del 34,29% a 20,01 euro. Il titolo, che per buona parte della giornata non è riuscito a fare prezzo, è stato bersagliato dalle vendite degli investitori e da una clamorosa raffica di downgrade da parte di broker e banche d’affari. Il “mercoledì nero” di Saipem alla borsa di Milano è la conseguenza dell’annuncio del profit warning per il biennio 2012-2013, arrivato in chiusura di mercati il 29 gennaio.

Il dramma delle migliaia di dipendenti di Lehman Brothers in tutto il mondo licenziati via sms

Una delle differenze sostanziali fra una grande economia come quella degli Usa, e una in difficoltà da decenni, come quella italiana, è stata, a nostro avviso, ben rappresentata dalla diversa reazione che hanno avuto i dipendenti Lehman, dopo la notizia della bancarotta e quella assolutamente irresponsabile che stanno avendo invece i dipendenti Alitalia. Immaginarsi poi cosa sarebbe potuto accadere in Italia, non solo all’interno della comagnia di bandiera, se i dipendenti di qualsiaisi società fossero stati licenziati attraverso l’invio di un sms, come accaduto Domenica sera ai dipendenti di Lehman Brothers. In tutto il mondo sono 26.000 i dipendenti della grande banca d’affari (18.000 solo fra Londra e New York) che da un giorno all’altro si sono ritrovati in mezzo ad una strada.

E’ incredibile domenica giocavo a tennis con un mio collega, quando siamo tornati negli spogliatoi ci è arrivato un sms, che diceva di presentarsi l’indomani al lavoro, anche se era l’ultimo che facevamo a Lehman. E ora il mutuo chi lo paga? considerando che il mio stipendio per l’80% era variabile e non vedrò un centesimo di quei 70.000 dollari che avrei dovuto ricevere a Dicembre.