Un dipendente Wal Mart ucciso dalla ressa dei clienti in coda per i saldi

Un dipendente della Wal Mart, il colosso della grande distribuzione a basso costo, è morto Venerdì ucciso dalla ressa provocata dai clienti che volevano entrare in uno dei magazzini della catena, presa d’assalto per i saldi che sono stati decisi nel periodo del Ringraziamento, il primo week end di grandi acquisti pre natalizi americani. Lo ha detto un portavoce della polizia spiegando che il dipendente di 34 anni si trovava all’ingresso del negozio poco dopo l’apertura quando è stato travolto e buttato a terra dalla folla, che cercava di entrare da ore nel grande magazzino della catena. Secondo i primi rilievi effettuati dalla polizia l’uomo è stato travolto dalla ressa e calpestato nella confusione dalle migliaia di persone entrate non appena sono state aperte le porte. Inoltre quattro clienti, tra cui una donna di 28 anni incinta, sono stati portati in alcuni ospedali locali per ricevere cure per le ferite riportate.

iPhone 3G: il cellulare dell’Apple distribuito in Italia da Tim e Vodafone è già l’oggetto di culto 2008

È stato atteso con fermento, ovunque se ne è parlato, i più impazienti se lo sono fatto portare dall’amico in vacanza in America (e grazie al tasso di cambio hanno anche risparmiato). È lo smartphone evoluto, con ampie capacità di connettività e che negli Stati Uniti è venduto a 199 dollari la versione da 8Gbyte e 299 dollari la versione da 16Gbyte. Il touchscreen dell’Apple è l’unione di tre prodotti in uno: un telefono d’avanguardia, un iPod widescreen e un dispositivo internet con e-mail in formato HTML e navigazione web completa. Finalmente da qualche giorno si può acquistare anche in Italia l’iPhone 3G.

Il nome ci fa pensare subito all’omonima compagnia telefonica, ma in realtà quest’ultima non ne vende proprio. O meglio, dovrebbe essere una delle compagnie sprovviste, insieme a Wind, ma in realtà l’iphone 3G è risultato introvabile anche nei centri Tim e Vodafone. Sapere con precisione quanti iPhone ci sono nei negozi è praticamente impossibile.Tim Vodafone Apple hanno menzionato numeri.

Wall Street: trimestrali e mercato immobiliare, continua l’incertezza

Continua il sali scendi di Wall Street, travolta da una valanga di trimestrali. Tengono i tecnologici: a mercati chiusi sono arrivati i conti di Apple e Amazon. Entrambi si sono rivelati superiori alle attese, ma mentre i primi sono stati totalmente positivi, quelli del gigante dell’e-commerce ha accusato un calo nei margini lordi. A preoccupare ancora di più gli investitori ed i mercati è arrivato il profit warning dell’ad di Amazon, il quale ha già rivisto al ribasso le stime per il 2008: l’utile si fermerà a 940 milioni, cifra inferiore ai ai 985 previsti ad inizio anno.

Per il trimestre a venire Amazon prevede ricavi in crescita ma margini di profitto in discesa, tra i 120 ed i 160 milioni. Buoni risultati anche per Boeing, il colosso attivo nel settore aerospaziale, che ha riportato un aumento degli utili del 38% e ricavi del 4%.

Logitech segna crescita del fatturato del 17 % a 601 milioni di dollari

Logitech International S.A. con sede ad Apples in Svizzera è la holding del gruppo Logitech. Fu fondata nel 1981 da Daniel Borel, Pierluigi Zappacosta e Giacomo Marini. Era una spin-off della École polytechnique fédérale de Lausanne. Guida il settore industriale delle periferiche per computer a livello mondiale. Logitech produce un ampia gamma di periferiche per PC, console di videogiochi (Xbox, PlayStation 2, PlayStation 3 e Wii), lettori mp3 portatili e telefonini ma di recente si è focalizzata per quelle per computer. Iniziò con la produzione di mouse a Le Lieu (Svizzera). la produzione fu in seguito spostata negli USA, a Taiwan e Irlanda, infine a Suzhou in Cina. Vende i suoi prodotti in tutto il mondo. Le sue attività vengono divise in 3 ampie zone geografiche: America, Europa, Medio Oriente e Africa e infine Asia . In Giappone usa il marchio Logicool da quando la compagnia Logitec del luogo esistente fin dal 1982 si è inserita nel mercato delle periferiche.

Wal Mart, Intel e Apple trainano Wall Street

Wall Street ha chiuso all’insegna del segno più, trainata dalle buone notizie provenienti dalle società, in particolare da Wal Mart che ha alzato le stime sugli utili. Il Dow Jones ha chiuso con +0,44% a 12.581, il Nasdaq +1,27% a 2.351, +0,45% a 1.369,55 anche per l’S&P 500.

Wal Mart ha infatti alzato la guidance del primo trimestre nonostante le vendite di marzo avessere un po’ deluso. Il colosso della grande distribuzione ha annunciati che concluderà i primi tre mesi del 2008 con un EPS di 74-76 centesimi, mentre le precedenti stime erano di 70-74 cents.

Le vendite di marzo sono invece cresciuto soltanto dello 0,7%, mentre gli analisti speravano in un +1%, soglia che viene raggiunta e superata di uno 0,1 se nelle vendite sono compresi i carburanti.

Microsoft annuncia i conti a sorpresa, ma a Wall Street non basta

In un fine settimana caratterizzato dalla volatilità dei mercati e dalla paura della recessione, Microsoft ha annunciato i risultati del quarto trimestre. Per l’azienda tecnologica i problemi economici statunitensi e mondiali sono solo un lontano spauracchio. Microsoft ha chiuso l’anno con un utile netto in amento dell’81% a 4,7 miliardi di dollari, 50 centesimi ad azione, rispetto ai 2,6 miliardi o 26 centesimi dell’anno precedente. I ricavi sono saliti del 31% a 16,7, sorprendendo anche gli analisti, che si aspettavano un EPS di 46 cents. La compagnia ha anche annunciati le stime per il 2008, decisamente ottimiste nonostante la debolezza dell’economia. La guidance si chiuderà a giugno e la Microsoft si attende un EPS a 1,85-1,88 usd, rispetto ai 1,78-1,81 previsti in precedenza. Anche le stime sui profitti sono state alzate da 58,8-59,7 a 59,9-60,5 miliardi. Per il prossimo trimestre Microsoft Corp. si attende utili a 43-45 cents, mentre le stime degli analisti sono a 44, e ricavi per 14,3-14.6.

In apertura Wall Street era apparsa in rialzo con il listino high-tech trascinato in positivo dai risultati Microsoft. In avvio la compagnia aveva guadagnato il 4%, ma la corsa è durata poco e poco dopo si attestava sullo 0,63%. A circa un’ora dal termine delle contrattazioni gli indici americani perdevano l’1% trascinati al ribasso dai titoli finanziari. Microsoft ha azzerato i guadagni ed invertito la rotta (-0,06%) nonostante gli ottimi risultati trimestrali, con il Dow Jones che ceda l’1,35% ed il Nasdaq l’1,12%.

Wall Street: Apple delude su previsioni

Il taglio dei tassi varato martedì dalla Federal Reserve ha fatto risalire Wall Street dai minimi. Dopo un inizio incerto, la chiusura si è attestata intorno al 2,5%. La volatilita’ e’ diventata un elemento costante sui mercati azionari e lo sara’ finche’ gli investitori non inizieranno ad avere un quadro più chiaro sulla direzione economica. A guidare il recupero sono stati i comparti bancario e immobiliare (REIT compresi), che hanno iniziato a beneficiare della manovra straordinaria di politica monetaria effettuata dalla Fed, relativa alla riduzione del costo del denaro di 75 punti base al 3.5%.
Male ancora i tecnologici con il Nasdaq a -0,3%. Su Wall Street in giornata hanno pesato in parte i conti di Apple, che ha ceduto anche il 18%, mandando in fumo una capitalizzazione di oltre 20 miliardi di dollari, e di Motorola, che ha perso quasi il 20%. Lo S&P 500 ha segnato 2,1%. A pesare quindi sui mercati è stata inizialmente la trimestrale di Motorola (-84% gli utili) e la caduta di Apple, dopo aver previsto un utile del primo trimestre prudente e al di sotto delle attese.

Apple: l’iPhone ed il mercato cinese

La Apple ha intavolato le trattative per il lancio dell’iPhone sul mercato cinese con la China Mobile Ltd, ma pare che adesso le negoziazioni abbiano subito una brusca frenata. Li Honghui, portavoce della China Mobile Communication Corp., una filiale accorpata di China Mobile, ha confermato che ci siano stati dei contatti ma ha anche parlato di trattative ormai terminate, senza però dare ulteriori spiegazioni. Stesso “no comment” anche da Raina Lei,portavoce della China Mobile.
Sina.com, un noto portale internet cinese, citando una fonte non ufficiale, ha affermato che il problema tra le due parti, come era immaginabile, riguardava l’accordo economico: nelle discussioni preliminari China Mobile si è rifiutata di accettare le richieste di Apple, che puntava ad una percentuale sui ricavi tra il 20% ed il 30%.